ATTENZIONE:

Con un comunicato stampa, il giorno stesso della scadenza e qualche ora dopo l'invio della nostra newsletter, il ministero della salute annuncia la firma di un decreto che proroga di altri 4 mesi e 10 giorni l'obbligo di dotazione del defibrillatore per le società sportive dilettantistiche.

La nuova scadenza è quindi fissata al 30 novembre 2016, restano validi tutti gli altri contenuti del presente articolo.

Seguici su Facebook

 
 

Defibrillatori e sport: oggi scatta l'obbligo per tutti.

20 luglio 2016. Nessuna proroga, nessun chiarimento, da oggi scatta, anche per le società sportive dilettantistiche, l’obbligo di dotazione di un defibrillatore (comunemente chiamato anche DAE o AED) e di personale formato al suo utilizzo.

Sei mesi fa, il giorno prima della naturale scadenza, il legislatore ha rinviato l’entrata in vigore del DM 24 aprile 2013, meglio conosciuto come “Decreto Balduzzi”, con l’obiettivo (almeno questo a noi era parso) di chiarire alcuni punti della normativa e dare un po’ di tempo in più a chi si doveva mettere in regola con le disposizioni di legge. Ma non c’è nulla di nuovo.

Quindi rimane un solo punto fermo: “le società che utilizzano permanentemente o temporaneamente un impianto sportivo devono assicurarsi della presenza e del regolare funzionamento del dispositivo”.

Quali sono i soggetti interessati?

La nuova scadenza ha effetto su tutte le società sportive dilettantistiche, che, ai sensi della Legge del 27 dicembre 2002 n. 289 (richiamata nel “Decreto Balduzzi”), sono:

  • associazioni sportive prive di personalità giuridica disciplinate dagli articoli 36 e seguenti del codice civile;
  • associazioni sportive con personalità giuridica di diritto privato ai sensi del regolamento di cui al DPR 10 febbraio 2000, n. 361;
  • società sportive di capitali costituite secondo le disposizioni vigenti, ad eccezione di quelle che prevedono finalità di lucro.

Rimangono esenti le società sportive “che svolgono attività sportive con ridotto impegno cardiocircolatorio, quali bocce (escluse bocce in volo), biliardo, golf, pesca sportiva di superficie, caccia sportiva, sport di tiro, giochi da tavolo e sport assimilabili”.

Chi deve acquistare il defibrillatore e formare gli operatori BLSD?

Questo era uno dei punti sui quali tutti stavano aspettando un chiarimento, che non è arrivato.

In assenza di ulteriori precisazioni, “l'onere della dotazione del defibrillatore e della sua manutenzione è a carico della società”.

La normativa prevede la possibilità (non l’obbligo) di condividere questo onere tra più società sportive che utilizzano lo stesso impianto sportivo, o di demandare lo stesso al gestore dell’impianto “attraverso un accordo che definisca le responsabilità in ordine all'uso e alla gestione dei defibrillatori”.

Nulla invece è stato detto relativamente agli sport itineranti: a norma di legge il defibrillatore e il personale formato dovrebbe essere presente sempre e ovunque…

Se la norma è carente, possiamo però prendere ad esempio quello che è stato fatto in alcuni territori già “cardioprotetti”: per citarne uno, in provincia di Belluno i defibrillatori sono stati acquistati dai Comuni, da aziende del territorio, da associazioni di volontariato (che hanno rinunciato ai propri rimborsi spese) e dalle associazioni sportive stesse. Questa collaborazione trasversale ha permesso una diffusione capillare dello strumento salvavita, nonché il pieno rispetto della normativa.

Quale defibrillatore scegliere?

Ci sono diversi modelli con caratteristiche più o meno simili. Nell'acquisto, le cose da considerare sono:

  • costo di acquisto del defibrillatore (elemento importante ma non decisivo, si consiglia comunque di scegliere un AED tra quelli dei produttori più conosciuti);
  • eventuali costi di manutenzione (attenzione al costo degli elettrodi e della batteria, al periodo di garanzia e alle relative coperture, ecc.);
  • grado di protezione IP (per le attività all'aperto, nelle spiagge o nelle piscine, si consiglia un AED con un grado di protezione IP uguale o superiore a 56).

Quante persone devono essere formate?

La normativa prevede la presenza di almeno un operatore formato durante tutte le attività sportive (gare e allenamenti). Partendo da questo presupposto, ogni società sportiva, in base alla propria organizzazione, deve calcolare quale sia il numero adeguato di operatori BLSD da formare.

Chi può erogare la formazione BLSD?

Purtroppo ci sono molti soggetti di formazione, più o meno seri, che propongono pacchetti di formazione a basso costo (non sempre...), ma non hanno i requisiti previsti dalla legge per poterlo fare. Il risultato? Questi corsi non sono validi e poi bisogna rifare tutto.

Nella scelta del corso di formazione è necessario verificare che:

  • il centro di formazione segua le linee guida internazionali AHA o ERC;
  • il centro di formazione appartenga ad una didattica la cui qualità sia riconosciuta (come ad esempio l'American Heart Association, che ogni anno forma 16 milioni di persone in tutto il mondo). È consigliabile diffidare di chi si improvvisa centro di formazione BLSD;
  • il centro di formazione sia accreditato nella Regione o Provincia Autonoma dove si svolge l'attività sportiva;
  • gli istruttori siano certificati e riconosciuti dalla Regione / Provincia Autonoma (alcune Regioni / Provincie Autonome, come quella di Trento, ad esempio, hanno un albo degli istruttori autorizzati, generalmente disponibile online).

Sanzioni

Non ci sono ancora sanzioni specifiche per l'inosservanza di questa normativa, in alcuni casi è intervenuta la giustizia sportiva che, in assenza del defibrillatore (in una competizione di professionisti, per i quali l'obbligo esiste già da alcuni anni) non ha dato il via alla partita, assegnando la vittoria “a tavolino” alla squadra ospite.

Ma se si verifica quello che il “Decreto Balduzzi” intende prevenire, ossia la morte conseguente ad un arresto cardiaco, allora per la società sportiva che non è in regola si mette male: inizia una lunga trafila giudiziaria (penale) che potrebbe concludersi con la condanna per omicidio colposo in capo ai dirigenti dell’associazione sportiva, rei di non avere fatto quanto previsto dalla legge per evitare il fatto.

Resta inteso, che il problema più rilevante è la morte (forse evitabile) di una persona.

 

Contattaci

Calendario Corsi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
VAI AL CALENDARIO CORSI
   

Dove siamo:

outsphera srl
Via Cima Tofino 2/C
38062 Arco TN - Italia

Contatti:

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel: +39 0464 071076
Fax: +39 0464 871860

Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
Data : 1 Febbraio 2020
3
8
Data : 8 Febbraio 2020
15
Data : 15 Febbraio 2020
19
24
26
28
Data : 28 Febbraio 2020
29
Data : 29 Febbraio 2020

CERCA EVENTO PER REGIONE

DIVENTA ISTRUTTORE


Percorso per diventare istruttore American Heart Association


Percorso per diventare istruttore International Trauma Life Support

Per informazioni e iscrizioni contattaci via mail (formazione@outsphera.it) o telefonicamente (0464 871860).

Prossimi corsi istruttore:

28
Feb
Montesilvano
Data: 28 Febbraio 2020

07
Mar
Conegliano (TV)
Data: 07 Marzo 2020

15
Mar
Agugliano (AN)
Data: 15 Marzo 2020

21
Mar
San Giovanni Rotondo (FG)
Data: 21 Marzo 2020

24
Apr
Calmasino (VR)
Data: 24 Aprile 2020

DATI PER FATTURAZIONE ELETTRONICA

outsphera srl
Via Cima Tofino 2/C
38062 Arco (TN)

Partita IVA / C.F.
02271640225

Codice destinatario:
3ZJY534

PEC:
outsphera@pec.it

SCOPRI I CORSI

American Heart Association

Didattica, materiali e linee guida originali dell'American Heart Association. Certificazione internazionale.

SCOPRI I CORSI

International Trauma Life Support

Didattica, materiali e linee guida originali dell'International Trauma Life Support. Certificazione internazionale.

SCOPRI I CORSI

outsphera for life

Programmi formativi di alta qualità sviluppati dal comitato scientifico Outsphera For Life, secondo le ultime linee internazionali disponibili.

SCOPRI I CORSI

Sicurezza sul lavoro

Programmi formativi realizzati secondo le specifiche di legge sulla la sicurezza nei luoghi di lavoro.

IL SALVABIMBO

ITLS DUTY TO RESPOND

CONVENZIONE NURSING UP

PROVIDER ECM